Il carrello è vuoto

vino e salute

E' noto e chiaro che il consumo eccessivo di alcool abbia effetti negativi sulla salute, ma è altrettanto noto che il vino fa bene alla salute. Studi approfonditi hanno ampiamente dimostrato che un consumo moderato di vino è per esempio associato ad una diminuzione dei problemi cardiovascolari.

Tendenzialmente il bevitore moderato medio tende a fare esercizio fisico frequente e, allo stesso tempo è attento alla propria salute. Sembra che l'associazione tra consumo moderato di vino ed esercizio fisico costante, crei un ottimo effetto collaterale che è la salute.

Alcuni studi sulla popolazione hanno portato alla luce il fatto che sicuramente i bevitori pesanti presentano un rischio elevato con i problemi cardiaci, mentre i bevitori moderati (uno due bicchieri al giorno) presentano un minor rischio rispetto agli astemi.
Il consumo di vino rosso presenta più benefici rispetto al vino bianco in quanto contiene contiene più polifenoli; sostanze che sono ritenute essere particolarmente protettive contro i problemi cardiovascolari. In alcune ricerche su animali, è stato dimostrato che il resveratolo, presente nel vino rosso, ha proprietà protettive in quanto dosi basse di questa sostanza in topi di mezza età hanno avuto effetti sui fattori genetici legati all'invecchiamento, e possono conferire una protezione speciale al cuore.

I vini rossi provenienti dalla meravigliosa Sardegna hanno alti livelli di tannini, i quali hanno merito in relazione ai benefici che il vino rosso da al cuore. Questi vini rossi contengono una quantità di tannini molto superiore rispetto ad altri vini.
Addirittura uno studio del 2007 dimostra che vini bianchi e rossi sono efficaci agenti antibatterici contro alcuni ceppi di streptococco.
Insomma, gli effetti positivi contenuti nelle sostanze antiossidanti del vino, sono ormai noti, ma vorrei sottolineare due fattori importanti: uno il vino deve essere di buona qualità e il che non vuole necessariamente dire costoso; due le quantità devono essere moderate a uno, massimo due bicchieri al giorno.
In questo modo si ha davvero un approccio al vino funzionale a mente e corpo sani.
Alla salute :)

Regala il sapore di un pensiero

Altri articoli che potrebbero interessarti:
A cosa serve avvinare?
Vi siete mai chiesti a cosa serve e cosa significa avvinare? Nel mondo del vino si chiama "avvinare" l'operazione che consiste nel versare un po' di vino in una caraffa (decanter) o in un bic...
Perché il vino sa di tappo?
Il tappo di sughero viene utilizzando per chiudere le bottiglie di vino dalla fine del Seicento. Il sughero si ricava dalla quercia da sughero, pianta dalla quale si ricava appunto il sughero e ch...
Idee regalo per la festa del papà
La festa del papà in Italia si festeggia il 19 Marzo in corrispondenza della festa di san Giuseppe. Non tutti sanno che questa festa nasce all'inizio del XX secolo, per "pareggiare" la festa del...
Asti Spumante, un Moscato differente
La tecnica di vinificazione del Moscato fu messa a punto verso il XVI secolo da un gioielliere, Giovan Battista Croce, questo vino ebbe un grande successo tanto da meritarsi l'appellativo di "oro ...

Lascia il tuo commento

Aggiungi il tuo avatar utilizzando il servizio gratuito Gravatar.COM


Codice di sicurezza
Aggiorna

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guardaci su YouTube Seguici su Google+

Scopri le nostre Formule di Degustazione!

Un mese di Prova di Piacere di Vino Un mese di prova de La Dolce Vita

Iscriviti alla newsletter per ricevere il nostro eBook "Guida pratica alla degustazione del vino" e rimanere sempre aggiornato.

Regala del vino
Porta un amico
Contattaci